Connect with us

Test e Presentazioni

Cressi: muta Seppia

Dopo la Cernia, la Scorfano, la Tracina, la Corvina ecco un completo che è stato profondamente rivisto nel taglio. Spaccato all’interno, adotta una fodera esterna che sfrutta il concetto di scomposizione d’immagine alternando zone verde salvia  ad altre dall’aspetto non facilmente definibile. Una soluzione che dà il suo massimo sul medio fondale

 

L’ultima muta che ho ricevuto dalla Cressi Sub si chiama Seppia e interrompe una sorta di ciclo “ittico”, visto che la maggioranza dei capi mimetici di questi ultimi anni era contrassegnata dalla denominazione di pesci (Cernia, Scorfano, Tracina, Corvina). La seppia, invece, interrompe questa serie essendo un mollusco cefalopode caratterizzato da un mimetismo incredibilmente efficace…

Seguici su Facebook

Altri articoli in Test e Presentazioni

  • Pathos: pinne Maximum

    Rappresentano l’evoluzione delle Fireblade e sono caratterizzate da una scarpetta comoda e da una...

  • C4: pinna Dolphin

        Questo nuovo modello monta la scarpetta 400 e una pala in polipropilene...

  • C4: la nuova 400

    Questa scarpetta segue l’impostazione della 300, però adotta un materiale diverso, più cedevole rispetto...

  • Cetma Composites: pinne Mantra  

    Occorre un minimo di tempo per trovare la falcata più redditizia, poi si rimane...