Connect with us

Test e Presentazioni

Cetma Composites: pinne Mantra  

Occorre un minimo di tempo per trovare la falcata più redditizia, poi si rimane colpiti da quanto spingono, soprattutto nel nuoto in superficie, a fronte di uno sforzo davvero ridotto. Bene anche in profondità. La versioni testata aveva loghi e water rail bianchi, più adatti a chi fa apnea che non al pescatore  

Per la prima volta ho testato un paio di pinne della Cetma Composites, le Mantra, che hanno la scarpetta s-Wing, progettata e realizzata completamente in Italia dalla start up pugliese. Appena estratte dalla confezione, sono diversi gli elementi che hanno attirato la mia curiosità. Iniziamo dalla lunga pala, firmata dal campione di apnea Michele Giurgola: la trama del tessuto di carbonio mostra un aspetto opaco, non lucido. Poi l’angolo di piega, decisamente notevole, tanto che ho dovuto mettere le pinne a cavallo di uno scoglio per fotografarle…

Seguici su Facebook

Altri articoli in Test e Presentazioni

  • Pathos: pinne Maximum

    Rappresentano l’evoluzione delle Fireblade e sono caratterizzate da una scarpetta comoda e da una...

  • C4: pinna Dolphin

        Questo nuovo modello monta la scarpetta 400 e una pala in polipropilene...

  • C4: la nuova 400

    Questa scarpetta segue l’impostazione della 300, però adotta un materiale diverso, più cedevole rispetto...

  • Omer: Stingray Dual Carbon

    Davvero bella esteticamente, questa pinna viene venduta in un’unica durezza e si è dimostrata...